Quanto è sicura la vostra applicazione di messaggistica preferita?

27. febbraio 2017 stataliblu 0

 

Le applicazioni di messaggistica più popolari hanno centinaia di milioni di utenti, ma quanto sono sicure? La Electronic Frontier Foundation si è impegnata a scoprirlo, producendo una “scheda di valutazione di messaggistica sicura” per valutarli in base ad una serie di criteri.

I messaggi sono davvero criptati come dicono? Si può verificare l’identità dei contatti? Le comunicazioni sono sicure, se i codici vengono sottratti? Il codice aperto a revisione indipendente, è la progettazione di sicurezza debitamente documentata, ed è stato verificato il codice?

“Molte aziende offrono prodotti ‘di messaggistica sicura’ – ma sono questi sistemi realmente sicuri? Abbiamo deciso di scoprire, nella prima fase di una nuova campagna FEP per Crypto sicuri e utilizzabili “, spiega il FEP.

“Questo scorecard rappresenta solo la prima fase della campagna. In fasi successive, stiamo progettando di offrire più esami della fruibilità e della sicurezza degli strumenti che il punteggio più alto qui. ”

La cosa interessante è che le applicazioni che hanno ottenuto un punteggio di sette punti verdi sono del calibro di ChatSecure, CryptoCat, Signal, SilentPhone, Testo Silenzioso e TextSecure. Eppure, per la maggior parte degli utenti mainstream, ciò che definisce la loro scelta di messaggistica app non è “Quanto è sicura?”, Ma piuttosto “Quale stanno utilizzando i miei amici?”

BBM, Facebook Chat, Google Hangouts, Kik Messenger, Skype, Snapchat, WhatsApp e Viber non hanno ottenuto un buon punteggio sul criterio del FEP, per esempio. iMessage di Apple in realtà lo fa abbastanza bene, con cinque su sette punti.

Anche così, sarà la nuova ricerca del FEP a incoraggiare quelle applicazioni di messaggistica tradizionali a rinforzare la loro sicurezza? O continueremo a vedere una netta separazione tra: le persone attente alla sicurezza della messaggistica, le persone attente alla sicurezza sulle applicazioni di nicchia, mentre tutti gli altri continueranno ad utilizzare le applicazioni popolari?

La sezione commenti è aperta per le vostre opinioni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *